Servizi demografici

Carta di identità - adulti e minori

La carta di identità

La carta d'identità è il mezzo di identificazione di un individuo previsto dal Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza. Il D.L. 78/2015, recante "Disposizioni urgenti in materia di enti territoriali", convertito dalla legge 6 agosto 2015, n. 125, che ha introdotto, in sostituzione del documento cartaceo e della carta d'identità elettronica sperimentale, una nuova Carta di Identità Elettronica (C.I.E.).

La carta di identità elettronica (CIE)

  • è un documento di identificazione del cittadino: consente di comprovare in modo certo l'identità del titolare, tanto sul territorio nazionale, quanto all'estero;
  • è un documento di viaggio in tutti i paesi appartenenti all'Unione Europea e in quelli con cui lo Stato italiano ha firmato specifici accordi;
  • è uno strumento da utilizzare per richiedere una identità digitale sul sistema SPID (Sistema Pubblico di Identità Digitale). Tale identità, utilizzata assieme alla CIE, garantisce l'accesso ai servizi erogati dalle PP. AA., mediante il livello di sicurezza 3 di SPID.

Come si ottiene

Una importante novità della procedura di rilascio della CIE è rappresentata dalla centralizzazione del processo di produzione, personalizzazione e stampa del documento, che non avviene più presso la sede Comunale, bensì presso il Ministero dell'Interno e l'Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato. Pertanto, il documento d'identità elettronico viene consegnato entro sei giorni lavorativi dalla data della richiesta di rilascio, attraverso la spedizione all'indirizzo indicato dal titolare.

La CIE può essere richiesta da tutti coloro (siano essi cittadini italiani, comunitari e non)  che risultano iscritti nell'Anagrafe della Popolazione Residente del Comune di Giovinazzo o che, comunque, abbiano, in tale Comune, la loro dimora. Per i cittadini residenti in altro Comune italiano il rilascio della CIE può essere richiesto solo per sopperire a necessità derivanti da gravi e comprovati motivi che non consentono di recarsi presso il proprio Comune di residenza (Circolare Ministero dell'Interno del 05/11/1999) e solo dopo aver ricevuto, da tale Comune, il relativo nulla osta. Per richiedere il rilascio della carta d'identità a nome di un minore, questi deve essere accompagnato allo sportello comunale da chi ha la responsabilità genitoriale (genitori o tutore), muniti di valido documento di riconoscimento e, nel caso del tutore, anche della sentenza di nomina.

La nuova Carta di identità elettronica si richiede, ai sensi dell'art. 4 del D.M. 23 dicembre 2015, per i seguenti motivi:

  1. primo rilascio;
  2. smarrimento o furto della carta d'identità in corso di validità, previa presentazione della relativa denuncia;
  3. deterioramento della carta d'identità in corso di validità, previa verifica del relativo stato di conservazione da parte dell'Ufficiale di anagrafe;
  4. scadenza della carta d'identità (il rinnovo può essere effettuato a partire da 180 giorni prima della scadenza prevista).

Non costituisce, nel modo più assoluto, motivo di rilascio anticipato della carta d'identità il cambio di residenza. Difatti, essendo la residenza un dato che nulla ha a che fare con l'identificazione della persona, la relativa variazione non altera la funzione del documento di riconoscimento (Circolare Ministero dell'Interno 31 dicembre 1992 n. 24) e, pertanto, il legislatore non ne ha previsto la sostituzione.

Al fine di richiedere il rilascio della CIE, l'interessato dovrà presentarsi presso l'ufficio Anagrafe comunale munito:

  • del vecchio documento di identità (la carta di identità scaduta o in scadenza deve essere obbligatoriamente consegnata allo sportello);
  • una foto formato tessera recente (fatta da non più di sei mesi) ed avente gli stessi requisiti delle foto richieste dalla Questura per il rilascio del passaporto e visualizzabili al seguente link www.poliziadistato.it/statics/10/fotografia_passaporto_web.pdf;
  • la tessera sanitaria;
  • la ricevuta di pagamento.

In caso di furto o smarrimento o deterioramento (tale da non permettere il riconoscimento del numero della carta) del documento d'identità, occorre presentarsi allo sportello con la denuncia resa presso le competenti Autorità (Commissariato di Polizia o Stazione dei Carabinieri) ed altro documento di riconoscimento. Nel caso in cui non si disponga di un altro documento identificativo, occorre presentarsi allo sportello accompagnato da due testimoni, con documenti validi.

Inoltre, In caso di furto o smarrimento di una CIE, il cittadino, oltre a sporgere regolare denuncia, presso le Forze di Polizia, deve effettuare il blocco della propria CIE, per inibirne l'utilizzo ai fini dell'accesso ai servizi in rete, contattando il servizio di help desk della CIE.

I cittadini non comunitari devono presentare anche l'originale del permesso di soggiorno valido o la copia del permesso di soggiorno scaduto con l'originale della ricevuta, attestante l'avvenuta richiesta di rinnovo presentata prima della scadenza del permesso di soggiorno o entro sessanta giorni dalla scadenza dello stesso.

Al fine di ottenere il rilascio della Carta d'identità valida per l'espatrio, il richiedente deve sottoscrivere, presso lo sportello, una dichiarazione attestante l'assenza delle cause ostative al rilascio del passaporto, di cui all'art. 3 della Legge 21 novembre 1967 n. 1185. Nel caso in cui l'intestatario del documento è un minore, tale dichiarazione deve essere resa da coloro che hanno la responsabilità genitoriale (genitori o tutore). Nel caso in cui uno dei genitori fosse impossibilitato a presentarsi allo sportello, questi deve far pervenire (anche per via telematica, così come previsto dall'art. 38, comma 3, del D.P.R. 445/2000) una dichiarazione di consenso all'espatrio, redatta in carta semplice, sottoscritta ed accompagnata dalla fotocopia integrale di un documento di identità.

I cittadini comunitari ed extracomunitari possono ottenere solo il documento di identità non valido per l'espatrio.

Al termine dell'operazione di inserimento dei dati che, a partire da coloro che hanno compiuto 12 anni di età, prevede anche l'acquisizione del dato biometrico delle impronte digitali, l'operatore stamperà un modulo di riepilogo che verrà sottoposto all'attenzione del richiedente, per la verifica dei dati personali e per l'acquisizione della firma autografa. All'acquisizione della firma non si procede nei casi in cui l'intestatario della CIE non abbia compiuto il dodicesimo anno di età ed in tutti gli altri casi in cui vi sia l'impossibilità a sottoscrivere.

È opportuno sottolineare l'importanza della fase della verifica dei dati, poiché la successiva scoperta di difformità dei dati anagrafici non permetterà la sostituzione della CIE emessa, bensì l'annullamento di questa con contestuale emissione, a pagamento, di una nuova CIE.

Al termine della procedura, lo sportello rilascerà al cittadino la ricevuta della richiesta di emissione della CIE comprensiva del numero della pratica e della prima parte dei codici PIN/PUK associati ad essa (tale ricevuta non costituisce in alcun modo documento di identificazione o riconoscimento).

La consegna della CIE e della seconda parte dei codici PIN/PUK associati ad essa avviene, a cura del Ministero dell'Interno, entro sei giorni lavorativi, presso l'indirizzo indicato dal cittadino all'atto della richiesta. A tale riguardo, il cittadino può scegliere di farsi consegnare il documento d'identità presso lo sportello comunale in cui ha presentato la richiesta e può anche indicare un delegato al ritiro.

Durata e validità della CIE

La validità della Carta di identità varia a seconda dell'età del titolare ed è di:

3 anni per i minori di età inferiore a 3 anni; 5 anni per i minori di età compresa tra i 3 e i 18 anni; 10 anni per i maggiorenni.

Il costo della CIE

Il pagamento dei corrispettivi dovuti dai cittadini, per il rilascio della carta d'identità elettronica (CIE), può avvenire attraverso il ricorso a strumenti sostitutivi del contante quali pagoPA (vedi la sezione <Come pago>); è possibile al momento effettuare un versamento presso lo sportello Economato, al primo piano del palazzo Municipale, o effettuare il pagamento a mezzo bonifico bancario cod.IBAN IT12YO760104000000018314708, ovvero con bollettino postale su cc n. 18314708 intestato al Comune di Giovinazzo - servizio di tesoreria. Il pagamento deve necessariamente precedere l'avvio della procedura di richiesta di emissione della CIE. Le somme complessivamente dovute dagli utenti, per le ipotesi fondamentali di emissione della carta di identità, sono così riassunte:

  • emissione CIE nei casi di primo rilascio e scadenza: euro 22,21
  • emissione CIE a seguito di smarrimento, deterioramento e furto: euro 27,64;
  • emissione carta di identità cartacea, nei soli casi previsti per legge: euro 5,42.

Il Portale CIE

Per venire incontro alle esigenze del cittadino, è previsto un Portale istituzionale della CIE, all'indirizzo internet www.cartaidentita.interno.gov.it, all'interno del quale il cittadino troverà tutte le informazioni utili per la presentazione della domanda di rilascio della CIE, per conoscere lo stato di attivazione del progetto sul territorio e le modalità di accesso all'help desk. 

Donazione di organi e tessuti

La procedura di emissione della nuova C.I.E. prevede la facoltà (non è un obbligo), per il cittadino maggiorenne, di indicare, in modo esplicito, attraverso la compilazione di un'apposita dichiarazione, il consenso o il diniego alla donazione di organi e/o tessuti in caso di morte. Tale volontà verrà inserita nel Sistema Informativo Trapianti (S.I.T.) e potrà essere successivamente modificata in qualsiasi momento, presso la ASL di appartenenza, o ad ogni rinnovo della carta d'identità elettronica stessa.

Carta di identità in formato cartaceo

L'emissione della carta d'identità in formato cartaceo, può avvenire solo nei casi (tassativamente indicati dalla circolare n. 4/2017 del Ministero dell'Interno) di reale e documentata urgenza, per motivi di salute, viaggio, consultazione elettorale e partecipazione a concorsi o gare pubbliche ed anche nel caso in cui il cittadino sia iscritto nell'Anagrafe degli Italiani Residenti all'Estero (AIRE).

 

Ultimo aggiornamento: 

27/12/2018

 
 
Powered by Phoca Download